+39 347 841 7252
info@brunobios.it

Presentazione

Azienda Agricola

La nostra azienda è situata nella parte meridionale della Basilicata, precisamente nella Valle del Mercure, attraversata dall’omonimo fiume. Questo territorio, caratterizzato da piacevoli contrasti, in cui si fondono magnificamente rilievi aspri e selvaggi e dolci montagne, vegetazione rigogliosa e lussureggiante e acque sorgive, vanta due DOP, il Fagiolo Poverello e la Melanzana Rossa, tutelati da due consorzi, di cui la nostra azienda è stata una delle fondatrici. E proprio al Poverello DOP di Rotonda noi dedichiamo maggiore attenzione e cura: è il nostro prodotto principale, con caratteristiche particolari, come il tegumento sottile, il gusto delicato ed è altamente proteico a livello nutrizionale.

 

Il Parco del Pollino, terra generosa nella quale fiori e piante officinali dalle svariate proprietà terapeutiche la fanno da padrona, rappresenta un ambiente ideale per le nostre api  e per la produzione del miele, altro punto di forza dell’ azienda.

Il nostro è un miele millefiori, perché le piccole ‘’bottinatrici’’, api operaie, vengono lasciate libere di visitare le numerose fioriture, presenti sul territorio nelle diverse stagioni, in modo da creare un vero e proprio equilibrio biologico.

L’enogastronomia rotondese è ricca di prodotti di eccellenza e la nostra azienda nel suo piccolo intende mantenerli in vita e promuoverli attraverso le nostre produzioni.

Tra queste, il peperone secco o ‘’crusco’’, dal sapore dolce e con molta vitamina C, proposto nelle caratteristiche collane o ‘’nserte’’; la tradizionale salsa di pomodoro e la nostra linea ‘’Le confetture di nonna Bianca’’, confetture e marmellate prodotte seguendo la stagionalità e, grazie al loro gusto ‘’extra’’, perfettamente abbinabili al sapore acidulo dei formaggi.

previous arrow
next arrow
previous arrownext arrow
Slider

L’Azienda Brunobios, infine, oltre all’obiettivo della produzione e della qualità, si prefigge di promuovere e diffondere la storia di ogni prodotto, partendo dalla coltivazione per giungere alla trasformazione dello stesso. E lo fa attraverso la didattica rivolta a famiglie e a scolaresche, perché vengano coinvolte in un’agricoltura semplice, nel rispetto delle tradizioni e della natura.